Strumenti Utente

Strumenti Sito

Esporta PDF Esporta ODF News

it:guide:various:p2p_and_traffic_shaping
Traduzioni di questa pagina:

Questa versione (2013/08/29 01:53) è stata Approvata da niphlod.La versione Precedentemente Approvata (2013/08/29 01:15) è disponibile.Diff

Contrastare il filtraggio al P2P

Come appurato tempo addietro, alcuni ISP, tra cui Tele2 / TeleTu e Libero, applicano restrizioni di varia natura al p2p.

La motivazione rilasciata da questi provider è riconducibile all'impossibilità di gestire il traffico p2p (gratuito) assieme ai servizi che loro stessi offrono ai propri abbonati (navigazione, posta elettronica, VoIP…), cioè la loro fonte di guadagno.

Le cause che hanno portato all'adozione di questa politica di filtraggio sono imputabili alla qualità delle linee che queste società gestiscono. Infatti, la maggior parte delle volte, queste infrastrutture vengono vendute all'ingrosso (wholesale) dai provider più importanti (Telecom) ed acquistate dai piccoli gestori ADSL (Tele2, Libero). Questa condizione è scadente rispetto all'offerta di affitto di tali linee con la formula ULL.

Anche le offerte che sfruttano la rete Mobile (UMTS e HSDPA) sono condizionante dalle restrizioni al traffico p2p, e lo sono in misura maggiore rispetto alle normali offerte ADSL via cavo, come evidenziato nei diversi contratti (Vodafone, Tre, Wind).
Le “famose” Internet Key possono quindi rendere la vita difficile ai client p2p.

A partire da Aprile 2010 anche Telecom, il maggiore provider italiano, si è uniformata con quanto eseguito dagli altri gestori ADSL minori, testando le restrizioni in determinate aree geografiche nazionali.

Come riportato da un comunicato ufficiale, a seguito dei test e a partire dallo 01/03/2011 la stessa Telecom inizierà ad applicare i filtri su tutte le proprie linee.

Come reagire?

Se avete la certezza di subire una limitazione da parte del vostro gestore, con eMule potete utilizzare dei piccoli accorgimenti che cercano di contrastare in qualche modo questo filtraggio, anche se non è detto che siano efficaci:

  1. Utilizzate l'ultima versione di eMule disponibile, e non inferiore alla release 0.50a, dato che include anche l'offuscamento alla rete KAD.

  2. Preferite l'utilizzo delle porte TCP/UDP a 5 cifre, scelte a caso tra i valori 10000 e 65535. Ricordate che l'eventuale cambio di questi valori comporta la modifica delle regole create nel proprio router (sempre se lo si possiede) e nel proprio firewall.

  3. Attivate l'offuscamento del protocollo situato in Opzioni → Sicurezza, abbinandolo all'opzione “Permetti solo connessioni offuscate”.

  4. Aumentate il “campo di riempimento” riguardante l'offuscamento TCP inserendo questa stringa CryptTCPPaddingLength=255 nel file preferences.ini presente nella cartella Config di eMule, subito dopo la dicitura [eMule] (eseguite l'operazione con il client chiuso).
    Attenzione! alcune mod supportano un padding massimo di 254 byte.

  5. In Opzioni → Connessione modificate i valori di “fonti massime per file” e “connessioni massime” impostando il primo dato a 250 ed il secondo a 120.

  6. In Opzioni → Opzioni Avanzate lasciate inalterato il “N° massimo di nuove connessioni ogni 5 sec” a 20, mentre diminuite a 6 il valore riferito alla voce “N° massimo connessioni parziali aperte.

Ricordate infine che, come suggerito dalla guida alle Leggende Metropolitane, non esistono rimedi miracolosi, né mod o programmi magici per aggirare i filtri, per cui se neanche con questi suggerimenti notate dei miglioramenti allora rassegnatevi o a scaricare nelle ore notturne oppure a cambiare gestore.


Fonte: emule-mods.it
Autore: dylandog84